martedì 13 giugno 2017

I libri del mese scorso: maggio


C'è voluto un po' di tempo, siamo quasi a metà mese, ma finalmente ce l'ho fatta a scrivere il post sui libri del mese scorso. Del resto, buona parte della scorsa settimana l'ho passata a rigirarmi su un lettino in riva al mare pensando a dove fosse meglio andare a fare l'aperitivo, quindi, dovete capirmi, non avevo proprio tempo. 

Maggio è stato un mese abbastanza proficuo, per quel che riguarda le letture. C'è che sono stata al mare e stesi sul lettino di cui sopra, al venticello, si leggeva proprio bene. C'è che in estate mi sveglio sempre all'alba e aspetto che suoni la sveglia con il Kindle in mano. C'è che in estate, semplicemente, ogni momento è buono per tuffare il naso in un libro. Eccovi quindi i libri del mese. 
Libri letti 

Love among the butterflies - Margaret Fountaine 
Di questo libro vi avevo già parlato in un post dedicato, quindi vi rimando a quello. Qui vi dico solo che si tratta dei diari di Margaret Fountaine, una donna vittoriana appassionata di entomologia che nella sua vita ha collezionato più di 20.000 farfalle. Un donna forte, indipendente, appassionata, egoista, piena di vita, innamorata dei viaggi più di ogni altra cosa al mondo. 

L'amore come le meduseRoberto Delogu 
Ammetto, questo libro l'ho preso principalmente perché ha una copertina fantastica. Fortunatamente, anche il contenuto è degno di nota. Si tratta della storia di due fratelli, dall'infanzia all'età adulta, che si devono confrontare con le prove che la vita mette loro davanti. La vera protagonista, almeno per me, è stata però l'isola di Carloforte, il suo mare, i suoi profumi, la sua luminosità. È descritta con tale intensità che sembra praticamente di esserci. E ovviamente si muore dalla voglia di andarci. 

I fili invisibili della natura - Gianumberto Accinelli
Di questo libro aveva già scritto Elena nel suo ultimo Leggermente, quindi anche in questo caso vi rimando al suo post. Io ho letto questo libro mentre ero a Rimini e l'ho adorato. Racconta storie incredibili del mondo naturale, dove accadono le cose più strane, ma dove tutto ha un senso, spesso stravolto dall'intervento umano. È scritto con grande maestria, leggero, ma ricco di contenuti. Mi è piaciuto tantissimo! 

Il nuovo Barnum - Alessandro Baricco
Come sempre Baricco mi suscita reazioni opposte, un momento lo trovo un genio e lo adoro, un momento dopo vorrei prenderlo a schiaffi. Trattandosi di una raccolta di articoli, questo libro è di agevole lettura, perché - quando viene l'istinto molesto e non si sopporta più quel certo Baricco - si può passare oltre. Comunque, ho imparato molte cose, ho ritrovato un articolo su una biblioteca indiana che avevo adorato anni fa e ho scoperto una cosa fighissima: sapete che Orhan Pamuk ha scritto un libro, Il museo dell'innocenza, e poi ha creato un museo con tutti gli oggetti citati nel libro? Tutti. Una roba folle, geniale, pazzesca. Grazie Baricco per avermelo raccontato. 

Libri acquistati

A fine maggio sono stata al Salone del Libro, ma mi sono comportata bene e ho acquistato solo tre libri. Questi:

Il mare chiuso, di Alessandro Di Sorbo e Alessio Di Simone, edito da Verbavolant, un magico libro che diventa un poster raffigurante una balena. Figuratevi voi se potevo non comperarlo. 

Il giardiniere gentile, di Silvia Salvagnini, sempre di Verbavolant, una narrazione poetica che racconta di un giardiniere che rispetta tutte le piante, anche le erbacce, e i parassiti, trovando loro un posto nel suo mondo. 

e il già citato libro di Roberto Delogu, di cui vi parlo sopra. 

Poi, potevo non farmi tentare dalle offerte lampo del Kindle Store? No, ovviamente no. Questo mese ho ceduto a:

Un cappello pieno di ciliegie, perché era da tempo che desideravo leggere questo libro della Fallaci, quale momento migliore di una succosa offerta?

Walkabout Italia, perché mi incuriorisce il racconto di questo viaggio a piedi attraverso l'Italia, senza soldi e con una scatola dove raccogliere sogni. 

Libri messi in lista

La mia wishlist su Amazon sta crescendo a livelli impressionanti. Non mi basterà una vita per soddisfare tutti i desideri. Ma magari chissà, un giorno la cancello e tanti saluti. Sarebbe divertente, no? No. 

Comunque questo mese ho aggiunto:

Il libro del mare, di Morten Stroknes, perché è la storia di due amici pescatori che inseguono un temutissimo squalo nelle isole Lofoten e che diventa un racconto sul mare, la sua storia e la sua vita. Devo prenderlo di corsa. 

L'arte della fuga, di Fredrik Sjoberg, perché racconta di un viaggio in Nevada, Arizona e Colorado, sulle tracce di Gunnar Widforrs, pittore e illustratore e personaggio fuori dal comune. Vabbè, prendo di corsa anche questo, dai. 

Woolgathering, di Patti Smith, perché non la amo molto come cantante, ma come scrittrice la adoro e questo suo libro mi manca. 

Un tot di libri su Zelda Fitzgerald, perché ho letto un articolo che gettava una luce nuova sul suo rapporto con il marito e sul suo ruolo nella stesura dei libri di Fitzgeral e vorrei saperne di più

La favolosa storia delle verdure, scoperto al Salone del Libro di Torino, una biografia delle verdure, che ne racconta la storia e le avventure nel corso dei secoli. Dev'essere bellissimo!

Controvento. Storie e viaggi che cambiano la vita, perché, con un titolo così non è mica possibile non leggerlo.

The Andy Warhol Diaries, perché da quando ho visto la mostra a lui dedicata, ho deciso di saperne un po' di più. 

The Bucket List: 1000 Adventures Big and Small, così sogniamo ancora un po', che non si sogna già abbastanza, da queste parti. 

Dai, dai, dai, adesso ditemi di voi. Voglio sapere tutti i vosti libri del mese!

mercoledì 7 giugno 2017

Cosa c'è di bello a Rimini?

 
Qualche giorno fa, tornata a casa dalla mia vacanzina in terra romagnola, un parente mi chiede: "allora, com'è andata, cosa c'era di bello a Rimini?". Ammetto di essere rimasta in silenzio, ho buttato lì un'ovvietà qualsiasi che manco ricordo e ho cambiato discorso. Perché, sì, è vero, cosa c'è di bello a Rimini secondo gli standard classici di valutazione di una località di mare? Con tutto il rispetto per i riminesi, molto poco direi. 

Il mare? Beh, non proprio. L'unico giorno in cui mi sono arrischiata a fare un bagno, quando tutta la gente decantava la bellezza dell'acqua, mi son detta che in Liguria, in giornate con il mare così, non avrei neppure messo i piedi in acqua. La spiaggia? Beh, certo, sabbia soffice e setosa, ma la bellezza selvaggia di certe spiagge della Sardegna o i profumi di certa Maremma, beh, manco a parlarne. 

Ma spesso la bellezza va oltre i canoni standard, no? E a volte abbiamo bisogno di altro, oltre alla semplice bellezza. Abbiamo bisogno di un luogo che ci accolga a braccia aperte, di cui conosciamo anche le crepe dell'asfalto, in cui non si debba pensare, stupirsi, cercare, scoprire, conoscere, ma solo lasciarsi andare e godere di piccole cose semplici: caldo sulla pelle, cibo buono, tanto spazio. 

Quando siamo sfiniti e abbiamo bisogno solo di recuperare le energie, Rimini è lì ad attenderci. Qualche giorno, non più di quattro o cinque, che sono il perfetto equilibrio tra il nostro bisogno di mare e il momento in cui iniziamo ad avere bisogno di altro, rigorosamente fuori stagione, e Rimini fa il suo trucchetto: ci rimette al mondo.

Potremmo andare altrove, cercare nuovi posti, scoprire nuove mete, ma perché farlo se tutto quello che vogliamo è lì, a portata di mano? Le scoperte le lasciamo per altri momenti, per altri viaggi, questo viaggio è il per conforto delle cose conosciute, quelle che amiamo da sempre. 

Peraltro, ne avevo già parlato in un altro post qualche anno fa, a Rimini ci sono innumerevoli cose belle. Il cielo è enorme e mi riempio sempre gli occhi perché, per una che vive in collina e va al mare in una spiaggia larga pochi metri, la grandezza del cielo è una cosa che mi affascina sempre (un giorno parliamo dei cieli più belli del mondo, vi va?). C'è il tramonto, che mi strugge sempre tantissimo ed è un momento speciale, sia che tu lo viva ancora in costume sulla spiaggia, vestita per bene a fare l'aperitivo o sugli scogli tra i pescatori. Ci sono le conchiglie da cercare sulla spiaggia, come quando ero bambina.

A Rimini c'è spazio infinito in ogni dove che, per una che adora camminare come me, è una manna dal cielo. A Rimini c'è profumo di elicriso e lavanda, di piadina e pesce fritto. A Rimini c'è un centro storico bellissimo, dove camminare e guardare i negozietti e farsi venire voglia di un vestito nuovo.  A Rimini c'è Borgo San Giuliano e le sue casette dipinte. E poi a Rimini c'è Fellini, anche se lui non c'è più. E se per caso ci sono ancora dei fiocchi di pioppi in giro, ti viene da sussurrare "vagano, vagano, vagano".

venerdì 26 maggio 2017

Love among the butterflies - Margaret Fountaine


I libri arrivano a noi nei modi più disparati. Una recensione illuminante, il consiglio di un'amica, un regalo, un'ispirazione improvvisa, oppure un video su YouTube. Questo libro m'è arrivato proprio con quest'ultima modalità, come spesso mi succede ultimamente. 

Johanna, il cui canale è una delizia per tutti gli amanti della natura, ha consigliato in un suo video alcuni libri su famosi naturalisti, tra i quali c'era quello dedicato a Margaret Fountaine. Senza un motivo preciso, visto che i naturalisti non è che siano esattamente l'oggetto primario del mio interesse, ho deciso di acquistarlo (l'ho preso usato su Amazon, come spesso faccio con i libri di difficile reperibilità).

Quando il libro è arrivato e ho letto l'introduzione, ho capito di aver fatto una scelta giusta: Margaret Fountaine è un personaggio davvero incredibile, che suscita sentimenti contrastanti (molti dei quali non propriamente entusiasmanti), ma che al tempo stesso ha vissuto una vita così piena da non sembrare quasi possibile.

E questa vita così piena, di passioni, di incontri, di viaggi, avventure, esperienze, è tutta minuziosamente raccontata nei suoi diari, riportati in parte in questo libro. Infatti, Margaret ha cominciato a tenere un diario all'età di sedici anni e ha continuato, senza interruzioni, per tutta la sua vita, arrivando a riempire 12 volumi delle dimensioni di una guida telefonica di Londra, secondo le parole del curatore. Dodici volumi scritti fitti fitti, custoditi in un baule che, su richiesta specifica di Margaret, è stato aperto solo il 15 aprile 1978, ossia cent'anni dopo il suo primo appunto nel diario. Già da questo si capisce che Margaret è una tipa quanto meno particolare. 

Figlia di un reverendo di campagna, cresciuta secondo le abitudini dell'Inghilterra vittoriana, la sua vita cambia radicalmente quando le viene concessa una rendita annuale, lascito di uno zio. Grazie a questi soldi, Margaret può finalmente dedicarsi alla sua più grande passione, ossia essere libera. Per tutta la vita, questo è il suo unico obiettivo. Lo dichiara senza mezzi termini nel suo diario: vuole essere indipendente, nient'altro conta. Questa è la sua spinta vitale, che muove ogni scelta della sua vita. Prima prova a fare l'artista, quindi la cantante, poi si appassiona all'entomologia, che diventa la sua attività primaria, portandola in giro per il mondo a raccogliere un (triste) bottino di 22.000 farfalle. 

Inizialmente, il suo entusiasmo è stato anche il mio. Nel leggere la sua lettera all'uomo di cui è innamorata, che tentenna e non si decide, in cui gli scrive che sì, certo, non potrà mai essere felice come insieme a lui, ma che avendo ora modo di mantenersi potrà fare quello che vuole della sua vita ed essere felice altrimenti, l'ho sinceramente ammirata. Che coraggio, per una donna dei suoi tempi. 

Però poi, andando avanti, si comprende che questo insopprimibile bisogno di libertà nasconde un profondo egoismo. L'indipendenza, il poter fare quello che vuole, sempre e comunque, vengono prima di ogni cosa: degli affetti, dei legami familiari, dell'amore. E lo dice chiaramente lei stessa, nel diario, dichiarandosi felice di avere pochi legami perché per lei sono solo un peso. 

Questo getta un filo d'ombra sulla sua persona, che non ha problemi ad abbandonare la madre morente per imbarcarsi nell'ennesimo viaggio, ma rimane l'ammirazione per una donna che, alla fine dell'Ottocento, ha girato l'Italia viaggiando in bicicletta (in bicicletta, con vestiti vittoriani, sulle strade di fine secolo, ecco), si è spostata nel deserto siriano a dorso di mulo, ha lottato più volte contro la malaria, si è mossa con grande sicurezza nel mondo maschile dell'entomologia, è sopravvissuta a un uragano nel Golfo del Messico, ha visitato ogni singolo paese presente sulle mappe, senza farsi abbattere mai dalla paura e da nessun tipo di disagio, avversità, problema. 

E quindi, a parte la controversa personalità di Margaret (ma del resto non si deve essere un po' controversi, per vivere vite così emozionanti?), le parti più preziose di questo libro sono i racconti di viaggio e le descrizioni di luoghi ormai perduti, in un'era in cui paradossalmente viaggiare era per certi versi molto più facile di ora.

venerdì 19 maggio 2017

Chiacchiere del venerdì


Buongiorno, amici! Come state oggi? Felici, depressi, allegri, contenti, incazzati, tutte queste cose insieme? Io sto abbastanza bene, nulla di esaltante, ma non mi lamento. E' stata una lunga settimana, ma è arrivata alla fine e domani mi aspetta un'intera giornata al Salone del Libro insieme alla mia cara Katiuscia. 

Non vado al Salone da anni e quindi sono felicissima. Non ho mai incontrato Katiuscia di persona, sebbene ci sentiamo quotidianamente da anni, e quindi sono ancora più felice. Nelle prossime chiacchiere del venerdì, avrò sicuramente qualcosa di bello da raccontarvi!

L'ultimo post di questo genere risale alla fine di marzo, sono passati praticamente due mesi e dovrei avere una montagna di cose da raccontarvi. Meh, insomma. Qualcosa sì, certo, ma vorrei sempre fare di più. Più mostre, più gite, più cose fighe, di qualsiasi genere. Probabilmente, molta dell'insoddisfazione che mi attanaglia, è dovuta al fatto che stabilisco sempre degli obiettivi troppo ambiziosi.

Ma bando alle ciance, vediamo cos'ho da raccontarvi

- in aprile m'è capitata l'occasione di una toccata e fuga a Roma. Mio marito andava per lavoro, m'è stato chiesto se volevo aggregarmi, ho risposto sì senza neanche chiedere che giorno fosse. Vogliamo mica perdere l'occasione di andare a Roma? Non credo proprio. E' stata una toccata e fuga a tutti gli effetti, perché siamo andati e tornati in giornata, ma è stato bellissimo. La giornata era fantastica, c'era il giusto caldo e il cielo era tersissimo, insomma, Roma s'era proprio messa bella per me. Ho girato nei soliti posti che amo molto, ho pranzato in un caffè dove volevo andare da tempo, ho fatto due chiacchiere a Monti insieme a Tamara e ho colto l'occasione di vedere la mostra di Basquiat, che m'era sfuggita a Milano, al Chiostro del Bramante (ah, tra l'altro applausi all'organizzazione, che incoraggiava in ogni modo foto e condivisione. Finalmente, dio santo). C'è pure scappata una cacio e pepe al volo prima di riprendere il treno per il ritorno. Roma, ti amo, cosa vuoi che ti dica di più?

- parlando di mostre, all'inizio di aprile sono andata a vedere la mostra fotografica di Cartier-Bresson a Palazzo Ducale. Devo ammettere che Cartier-Bresson non è tra i miei fotografi preferiti, ma non perdo (quasi) mai l'occasione di vedere una mostra di fotografia (ho visto Newton, vuoi non vedere Cartier-Bresson?). Sinceramente, non saprei dirvi perché non lo ami particolarmente, giuro non lo so, semplicemente non mi emoziona granché. Ma la mostra è stata interessante e istruttiva. Bresson continua non smuovermi nulla dentro, ma sono sempre contenta di vedere fotografie meravigliose. Ora però devo andare a vedere Elliott Erwitt, lui sì che mi fa battere il cuore

- per la serie è bellissimo quando i clienti diventano un po' tuoi amici, sempre in aprile ho avuto modo di abbracciare una ragazza americana a cui insegno italiano. Dopo essersi viste per tutto l'inverno su Skype, è stato fantastico poterla abbracciare. Ci siamo incontrate a Camogli, dove le ho fatto toccare con mano la meraviglia della focaccia ligure, che abbiamo mangiato sedute sulla spiaggia, e del gelato artigianale, che come quello italiano nessuno mai. E' stata una giornata davvero piacevole, che mi ha dato conferma di quanto ami quello che faccio per Instantly Italy.

- avendo trascorso un bel po' di sere sola a casa, per via del marito in trasferta, mi sono buttata a capofitto sulle serie super girly e sto 'na favola. Ho visto Love, che ho amato moltissimo (e che m'ha messo voglia di avere tutto, dico tutto, il guardaroba della protagonista. Salopette da boscaiolo inclusa), poi sono passata a Girlboss, ispirata alla vicenda di Sophia Amoruso e di Nasty Gal, che m'è piaciuta un po' sì e un po' no, soprattutto perché la protagonista è francamente insopportabile, e ora sto divorando New Girl (sono solo alla terza stagione, ho ancora molta strada da fare), che mi fa riderissimo e mi mette anche un po' di nostalgia, perché mi ricorda un po' Friends. E poi Zoey Deschanel è adorabile, come si fa a non volerle bene?

- voi sapete che ho una grande passione per YouTube, vero? Guardo tantissimi video, soprattutto in pausa pranzo, e seguo moltissime persone. Molti li seguo da anni, tanti sono passioni che durano lo spazio di qualche settimana, altri quello di un video o poco più. Ho pensato spesso di fare un post sui miei canali preferiti, ma cambiano così rapidamente che dovrei aggiornarlo costantemente. C'è però un canale al quale sono molto affezionata e che mi piace ogni giorno di più (a parte Zoella, a cui voglio bene come se fosse mia figlia) ed è The Bluebird Kitchen. Si tratta del canale di Francesca, che è spontanea, vera, allegra, sincera, senza tante menate, e realizza video divertenti, curati e utili. Io la amo molto e, se ancora non la conoscete, sono sicura che la amerete anche voi. PS: anche il suo blog è da urlo! 

E in tutto questo, vista la mia recente ossessione per gli anni '70 (e per Stevie Nicks in particolare), la colonna sonora è praticamente sempre stata questa:


E voi ditemi, cos'avete fatto di bello ultimamente?

venerdì 12 maggio 2017

Wishlist del venerdì

Buongiorno e buonissimo venerdì, amici del mio cuor. Come state? Spero che tutto vada alla grande. Qui non so, non ho dichiarazioni da rilasciare in proposito. Ho una marea di scadenze, il cielo è grigio che più grigio non si può, vorrei essere altrove (un po' come sempre) ma sono inchiodata al computer e non ho alcun programma per il weekend. Robe da fare i salti di gioia, vero?

Nonostante tutto remi contro, cerco di mantenere la positività e infarcisco la mente - e i quaderni - di desideri e cose da fare, che spesso poi non realizzo mai. Ma il bello è sognare, no? (No, il bello è realizzarli, i desideri, dio santo, ma quando non si può ci facciamo andare bene anche i sogni). E quindi, diamoci dentro con le wishlist. 

Io ripeto sempre come un mantra che il mio sogno più grande è quello di essere un'ereditiera (magari in un'altra vita, che in questa mi sa di no) e sostengo che se fossi abbastanza ricca spenderei tutto in bottiglie di vino costose, libri e fotografie d'arte. Lo ripeto alla nausea, ma non è esatto, perché - se fossi davvero ricca - aggiungerei a quelle spese anche esperienze, corsi, laboratori, viaggi studio, retreat, festival de la qualunque e tutta la roba di quel genere lì. 

1. Fatte tutte queste doverose premesse, una cosa che vorrei davvero tantissimo fare è un corso con la McMusa. Mi piacerebbe frequentare uno dei weekend monografici, oppure le serate dedicate a percorsi più ampi, ma il vero, grandissimo sogno sarebbe partecipare a uno dei suoi Book Riders.

Che sono i Book Riders? Sono dei viaggi negli Stati Uniti sulle orme dei grandi scrittori americani. Si va in America, accompagnati da Marta, e si visitano luoghi fondamentali per la letteratura americana. Il mio preferito? Californoir, un viaggio nella California del giallo. Sarebbe davvero una favola, ne sono sicura. 

2. Il 90% del tempo che trascorro su Facebook (sempre troppo, ovviamente), lo passo a guardare video di animali. La mia empatia nei confronti degli animali aumenta in maniera esponenziale con il passare del tempo e con essa il potere benefico che gli animali hanno su di me.

Bene, se avessi molto tempo a disposizione, metterei due magliette e una tuta in valigia, partirei alla volta di Girona e farei un periodo di volontariato al Santuario Gaia, un luogo dove vengono salvati e accuditi animali provenienti da allevamenti e destinati al macello. Da quello che vedo dalle dirette Facebook, le persone che lo gestiscono sembrano sinceramente appassionate e mi piacerebbe davvero poter dare una mano. Chissà che un giorno non ci riesca davvero. 


3. E, per finire, farei tutti i workshop esistenti sulla faccia della terra. Ogni fine settimana, salirei in macchina, in treno, in aereo e andrei a imparare cose nuove. Imparerei tutti i segreti di Instagram con uno dei corsi di Rita di Myscottage, intreccerei maldestramente ghirlande di fiori con Jessica di Olivia Brusca, starei a Torino per l'intera durata del Festival del Libro, partecipando a tutti gli eventi, andrei a Roma al Festival della Letteratura di Viaggio, prenderei un aereo e andrei a fare un corso live a Londra con Emily Quinton, e queste sono solo le cose che mi sono venute in mente negli ultimi minuti, immaginate voi cosa potrei partorire pensandoci un po' su. Ma più di tutto, senza nulla togliere a tutto quello che ho scritto qui sopra, farei il workshop di Lotta Jansdotter sull'isola di Aland. Cinque giorni insieme a lei in un'isola svedese sperduta in un cottage come quello qui sotto, parliamone. 
Ma ora voglio sapere da voi: quale esperienza vorreste fare, se soldi e tempo non fossero un problema? Sono super curiosa!

martedì 9 maggio 2017

I libri del mese scorso: aprile


Beh, diciamo pure che questo blog potrebbe cambiare nome e diventare tranquillamente "il blog dei libri del mese scorso", visto che è praticamente l'unico post che scrivo. Ci provo con grande entusiasmo, mi impegno, butto giù idee, fisso scadenze e, quando mi sembra di aver preso la strada giusta, mi distraggo un attimo e mi accorgo che è passato un mese dall'ultimo post. Ormai è diventata una piccola tradizione

So che sono noiosa con queste introduzioni in cui mi lamento della mia assenza (perché è principalmente a me che manca, lo scrivere sul blog), ma mi dispiace così tanto che non riesco a iniziare un post in maniera normale. Ci vuole pazienza con me, ormai lo sapete da tempo.

Dopo questa solita, noiosa introduzione, passiamo a parlare di libri. Questo mese è stato piuttosto proficuo, grazie anche a qualche viaggio in treno e alla possibilità di ritagliarmi un po' di spazio per la lettura. E' stato anche un mese oltremodo fortunato, perché ho letto molto e ho amato molto quello che ho letto. Si può volere di più?

Libri letti

Gli occhiali d'oro - Giorgio Bassani
Il primo approccio con Bassani l'ho tentato alle superiori, con Il giardino dei Finzi Contini. Non so quale fosse il motivo, ma all'epoca non lo avevo amato per nulla. Mi sono avvicinata nuovamente a lui poco tempo fa, riprendendo in mano proprio i Finzi Contini, grazie a un articolo di Daria Bignardi. E ho amato così tanto quel libro da spingermi subito a comperare qualcos'altro di Bassani. La scelta è caduta su Gli occhiali d'oro, che ho amato forse ancor più dei Finzi Contini. Se non lo avete ancora letto, fatelo perché è un piccolo capolavoro di delicatezza e perfezione. 

Fair play - Tove Jansson
Questo libro l'ho acquistato perché Tove Jansson è una passione della mia amica Stefania e da tempo volevo leggere qualcosa di suo. Amazon, come sempre, mi ha letto nel pensiero e ha messo in offerta lampo su Kindle questo testo. E' molto breve, l'ho letto tutto d'un soffio durante un viaggio in treno e l'ho adorato. Si tratta di una serie di brevissimi capitoli/racconti che hanno come protagoniste Mari e Jonna, una coppia di artiste di Helsinki. La trama è praticamente inesistente, a ogni capitolo è come se si aprisse il sipario su una scena di vita quotidiana tra le due donne, al lavoro, a casa a guardare un film, in giro in barca. Cosa rende così speciale questo libro? I dialoghi tra le due donne e i loro caratteri così diversi, tratteggiati con grande grazia e maestria. E la luce del nord, che appare nitida tra le pagine. 

Il peso dei segreti - Aki Shimazaki
Anche questo libro l'ho acquistato in offerta sul Kindle Store. Ne aveva parlato Ilenia Zodiaco in una recensione, l'avevo visto in giro, mi incuriosiva e quindi, alla prima occasione, me lo sono accaparrato. Ma devo aver commesso un grave errore, perché me lo sono portato dietro per un lungo viaggio in treno. M'ero messa in testa di leggerlo e sono andata avanti lo stesso, per quanto - ad un certo punto - fossi in grande confusione. Il mio sbaglio è stato quello di leggerlo tutto d'un fiato. E' uno di quei libri che vanno letti con calma, assaporando con lentezza la narrazione e godendosi il racconto di più vite, viste da punti di vista diversi (che è quello che mi ha messo in confusione). Peccato, avrei sicuramente potuto amarlo di più. 

Americanah - Chimamanda Ngozi Adichie
Questo è uno di quei libri che finiscono nello scaffale della vita, quelli che ti porti dietro a ogni trasloco, da cui non ti separeresti neppure in caso di una possibile terza guerra mondiale. Sapevo che mi sarebbe piaciuto, non immaginavo che mi sarebbe piaciuto così tanto. Il libro, che racconta la storia di Ifemelu, una giovane nigeriana che si trasferisce negli Stati Uniti per studiare all'università, compie la magia di unire una lettura avvicente, quelle che ti tengono legata alla storia a doppia mandata, quei libri che leggeresti in ogni minuto libero della giornata, a tematiche estremamente profonde e attuali. A ogni voltar di pagina, ti viene da riflettere su te stessa e il tuo rapporto con il diverso, sul mondo contemporaneo, sulla condizione femminile, sul concetto di razza. E' un libro bellissimo, che dovete assolutamente leggere, se ancora non lo avete fatto. Correte a comperarlo. 


Libri acquistati


Il senso di Melissa per le torte di Melissa Forti, perché amo il suo locale, amo lei, amo i dolci che cucina e serve nella sua sala da tè. Insomma, glielo dovevo come atto di gratitudine per tutta la bellezza che sparge nel mondo. Peraltro, ho già provato una torta ed è venuta buonissima!

Una storia di amore e di tenebra, perché ad Amos Oz in offerta non si dice mai di no.

Il nuovo Barnum, perché come scrive saggi e articoli Baricco (quasi) nessuno mai (e poi era in offerta anche questo).

Confusione, terzo capitolo della saga dei Cazalet, perché - approfittando sempre delle offerte di Amazon - li sto acquistando tutti, piano piano, in attesa della prossima vacanza al mare. 

The Cornish Coast Murder, perché l'ho visto su Instagram, m'ha ispirata (sapete che ho 'sto desiderio di andare in vacanza in Cornovaglia, ques'estate), e l'ho trovato usato a 1,80 su Amazon. Sì, lo so, Amazon è il male, ma mi vuole anche tanto bene eh. 

Libri messi in lista

Other-wordly: Words Both Strange and Lovely from Around the World, un libro molto simile a Lost In Translation, una sorta di catalogo illustrato di parole strane dal mondo, il genere di libri per cui impazzisco letteralmente. PS: le illustrazioni sono favolose.

Cattive ragazze. 15 storie di donne audaci e creative, a fumetti. L'ho messo in lista, ma non so se mai lo acquisterò. Ma lasciamolo lì e vediamo. 

Da animali a dei: breve storia dell'umanità, perché la mia guru Ilenia ne ha parlato benissimo centomila volte e devo proprio leggerlo. 

Deliciously Ella, perché sono vittima del marketing dei libri di cucina (l'ho già sfogliato un po' di volte, visto che è un po' dappertutto, e devo dire che molte ricette mi sembrano ottime). 

Sewing Happiness: A Year of Simple Projects for living well, perché un nuovo hobby è una perfetta scusa per riempirmi la casa di libri. 

E voi, ditemi, cosa avete letto in aprile? Qualcosa di bellissimo? Ditemi!

venerdì 28 aprile 2017

Leggermente: I fili invisibili della natura

Buon pomeriggio, amici del sole! Come state? Io sono super felice perché oggi torna Elena con un post fantastico. Lo avrei pubblicato anche prima, se solo mi fossi accorta che lei me lo aveva inviato, ma il mio livello di stordimento raggiunge livelli ormai epici. Vabbè, meno male che c'è lei a compensare la mia testa vuota. 

Il post di oggi parla di un libro meraviglioso (non l'ho ancora letto, ma so che è così), scritto da un uomo eccezionale (non lo conosco di persona, ma sono sicura che sia così). Quando Elena mi ha parlato di lui, ho reagito con un "ah, sì! Il professore delle storie strane sugli animali!". Infatti, io l'ho conosciuto su Radio Deejay, dove racconta storie incredibili su api, gatti, maiali e così via. L'ho adorato dal primo momento in cui l'ho sentito e ho fatto i salti di gioia quando Elena mi ha detto che il suo libro sarebbe stato protagonista del Leggermente di questo mese. 

Ma adesso lascio la parola a lei, che saprà raccontarvelo con grande saggezza. Buona lettura!

Eccomi tornata con il Leggermente e, vi avviso già, questo mese vi racconto del libro delle coincidenze. Sì, perché I fili invisibili della natura le coincidenze non solo le porta con dentro di sé, ma le genera pure. 

Giuro che ora mi spiego meglio, ma prima musica:


Allora, dicevamo, questo libro illustrato (a proposito, i disegni bellissimi sono di Serena Viola), esce dalla penna di Gianumberto Accinelli, un entomologo molto in gamba: lo potete ascoltare in radio o, se avete la possibilità di andare in quel meraviglioso posto che è la Fioreria, potete pure seguire  uno dei suoi corsi.
E qui, signori miei, scatta la 

Coincidenza numero 1
Ho sentito parlare dell'autore per la prima volta da Valeria Zangrandi, anche conosciuta come L'inventore di mostri, blogger e preziosa dispensatrice di consigli, idee, corsi sul mondo della rete e dei suoi strumenti; che poi Valeria sia pure una delle prime persone dell'internet con cui ho stretto un bel rapporto questo è un altro discorso, voi, nel dubbio, seguitela.

Valeria ha raccontato la sua esperienza con gli insetti, che detto così pare una cosa brutta ma vi assicuro che non lo è, proprio parlando di un laboratorio di entomologia organizzato da Gianumberto Accinelli e seguito per comprendere meglio le abitudini di questi piccoli abitanti del mondo. Cosa se ne fa una social media manager di sapere come vivono bagarozzi e farfalle? 

Ve lo spiega benissimo Valeria qui.

Ad ogni modo, la prima volta che ho letto di questa sua passione mi sono detta: "Beh, figo, dopotutto io, quando ho un dubbio, chiedo consiglio agli alberi...", poi ho dimenticato la faccenda Accinelli e non ci ho più pensato.


Coincidenza numero 2
Un paio di mesi fa ho presentato Robotica creativa per giovani tecnologici in una piccola ma bellissima libreria per bambini di Genova. Mentre aspettavo che la sala si riempisse e arrivassero i bimbi per partecipare al laboratorio che avevo preparato, mi sono messa a sfogliare i libri appena arrivati. Il primo che ho preso in mano è stato I fili invisibili della natura, l'ho mostrato a mia madre tutta contenta (senza collegare il nome dell'autore a quello dell'entomologo di Valeria) e poi l'ho riposto sullo scaffale per cominciare ad accogliere le persone. Finita la presentazione ho trovato il piccolo (ma spesso!) volume nella mia borsa: mamma me lo aveva comprato ed era andata via senza dirmi nulla. 
Sono entrata in libreria per promuovere il mio libro e ne sono uscita felice con quello di qualcun altro tra le mani.


Coincidenza numero 3
Quando ho detto a Cindy che avrei voluto raccontare I fili invisibili della natura nella nostra rubrica lei mi ha risposto che aveva appena scoperto questo autore ascoltando la sua trasmissione su Radio Deejay. Se non è  una coincidenza questa...

Coincidenza numero 4
Probabilmente la più assurda di tutte: avevo preso l'abitudine di portarmi dietro il libro ovunque andassi, anche in gita sui monti, nonostante appesantisse un pochino lo zaino. Mi sembrava bello sfogliare dei racconti che parlano di natura sdraiata su un prato o seduta sotto un albero. Bene, mentre leggevo ad alta voce la storia dello Scarabeo Stercorario (tra l'altro una delle mie preferite), un insetto mi è finito a tutta velocità tra i capelli. Non avendolo visto arrivare mi sono un poco spaventata: temevo fosse un'ape e non osavo infilare le dita sotto il fazzoletto per paura di essere punta. Indovinate un po' cosa mi era caduto in testa? Ovvio: uno scarabeo. Non potevamo crederci! Lo abbiamo osservato per un po' mentre si fingeva morto sul palmo della mia mano, poi, appena ci siamo distratti un attimo, è volato via. Non so assolutamente giudicare di che tipo fosse, so solo che assomigliava moltissimo a quello disegnato sulle pagine che stavo leggendo.


Questo libro contiene un mondo dentro di sé, lo stesso in cui viviamo, il medesimo in cui camminiamo, lavoriamo, siamo felici o ci arrabbiamo. Le cosa sorprendente sta nello scoprire che ciò che conosciamo della natura attorno a noi sia spesso solo un frammento di quello che accade quotidianamente: mille fili sottilissimi ci legano in maniera del tutto inaspettata alle sorti di insetti, roditori, felini, cefalopodi e mammiferi di grossa taglia a loro volta uniti tra loro da altrettanti fili. 

Accinelli ci regala un nuovo punto di vista sulle cose (oltre che moltissimi aneddoti e fatti scientifici tanto curiosi quanto importanti per la nostra storia e la nostra evoluzione), aprendo i cassetti di un grande mobile chiamato natura e scrivendo in maniera chiara e avvincente. 
Insomma, un po' di sana divulgazione, finalmente. 


Una raccolta di equilibri, errori, soluzioni, forza, pazienza, abilità e tenacia, tutti argomenti di cui parlo sempre ai miei bimbi durante i laboratori a scuola: anche per questa ragione ho deciso che I fili invisibili della natura sarà il libro su cui baserò le attività del prossimo anno. Evviva!

Direi che è tutto, è giunto quindi il momento della citazione:
"E nel frattempo il sole continuerà a sorgere, la luna stenderà la sua magica luce sul mondo e le storie della vita intrecceranno sempre di più i loro fili che noi, affascinati, cercheremo di sbrogliare e raccontare".

martedì 4 aprile 2017

I libri del mese scorso: marzo


Ed eccoci di nuovo qui. Un altro mese è finito, un'altra piccola montagna di libri di cui parlare. Questo mese ho letto tre libri, nè tanti nè pochi, ma sono super soddisfatta di me stessa perché sono riuscita a ritagliare nella mia giornata un altro piccolo spazio da dedicare alla lettura. 

Come sapete, io lavoro da casa e la mia routine è sempre la stessa: sveglia presto, colazione lunga e lenta, passeggiata con il cane e poi davanti al pc a lavorare. Solitamente, rientro dalla passeggiata con il cane verso le otto e mezza e non inizio a lavorare mai prima delle nove. 

Fino a poco tempo fa, dedicavo quella mezz'oretta a cazzeggiare in rete, ma visto che lo faccio in mille altri momenti, durante la giornata, ho deciso che fosse più proficuo dedicarmi a un libro. Sto andando avanti da un paio di settimane e sono soddisfatta. Lascio per la sera a letto i romanzi e al mattino vado di saggi e non-fiction. Brava Cinzia, pacca sulla spalla e vediamo quanto dura. 

Ma dopo aver condiviso la solita dose di cavoli miei, passiamo a parlare di libri. 

Libri letti

Leviatano ovvero la balena - Philip Hoare. 
Ho comperato questo libro perché consigliato da Ilenia Zodiaco, che per me è sempre garanzia di qualità. L'ho comperato perché lo ha consigliato lei e perché parla delle balene, un mio grande amore da sempre, risvegliatosi con gran foga negli ultimi tempi (come ben sapete, visto che vi sto tormentando un po' ovunque). L'ho acquistato a fine dicembre, messo sul comodino e letto a marzo. In questo lasso di tempo, mi sono scordata di quello che aveva detto Ilenia nella sua recensione, e quindi - quando l'ho iniziato - pensavo di leggere un libro sulle balene: abitudini, caratteristiche, comportamenti e così via. 

Niente di più sbagliato, invece. Infatti, si tratta di un libro sul rapporto tra uomini e balene, dai tempi di Melville in avanti. Inevitabilmente, tratta in buona parte dello sterminio perpetrato per secoli ai danni delle balene, ma si parla anche di ciò che le balene (e la loro cattura) hanno rappresentato per gli uomini: non solo una fonte di guadagno, ma anche una sfida a se stessi. E' un testo molto interessante, se l'argomento vi appassiona: è molto lungo, ma la scrittura scorrevole lo rende estremamente agile e molto coinvolgente. Io l'ho amato moltissimo. 

Big Magic - Elizabeth Gilbert. 
Chi ha letto Mangia, Prega, Ama? Io l'ho fatto, in lingua originale, appena uscito, prima ancora che diventasse un film. All'epoca, anni di Flickr e blog su Splinder, leggevo tantissime blogger americane, che erano ovviamente in fissa con il libro. L'ho preso, l'ho letto, l'ho messo su uno scaffale e dimenticato. Un po' troppo pieno di cliché, per i miei gusti, e molto, molto americano, che non vorrà dire molto, ma non saprei come descriverlo altrimenti. 

Quindi la Gilbert l'ho archiviata così, tempo fa. Poi è uscito Big Magic e m'ha messo curiosità. Ho aspettato che uscisse  in edizione economica e l'ho preso. L'ho iniziato con un po' di timore, temevo fosse il classico libro di self-help che ti dice che tutto è possibile, basta che tu lo voglia (che poi è anche vero, eh, magari non proprio sempre). Insomma, il classico libro che a me fa venir voglia di tirarlo nel muro al primo voltar di pagina. E invece no. L'ho trovato misurato, realistico, divertente, concreto, pieno di stimoli e senza voli pindarici. Bello, m'è piaciuto. 

Un amore - Dino Buzzati. 
Cosa volete che vi dica di questo libro. La perfezione. Non mi sento neanche all'altezza di parlarne. 

Libri acquistati

Storie della buonanotte per bambine ribelli, sì l'hanno comperato tutti, l'ho comperato anche io e vabbè, va bene così. Io sono felice di averlo fatto, mi era spiaciuto non aver potuto sostenere il crowdfunding ed ero curiosa di vedere come fosse. Non l'ho ancora letto, quindi mi astengo da ogni giudizio.

Love Among the Butterflies: The Travels and Adventures of a Victorian Lady, preso perché consigliato da Johanna, a cui devo altri libri bellissimi sulla natura. Comperato usato su Amazon, non è ancora arrivato e sono in trepidante attesa. 

Un giardino da ricamare - Yuki Sugashima, perché mi è partita la passione del ricamo, potevo non acquistare un libro? Tra l'altro sono felicissima di aver preso questo, perché è pieno di fiori stupendi! 

Questi invece, sono stati acquistati grazie alle offerte lampo Kindle (che presto mi manderanno in rovina):

Il falò delle vanità - Tom Wolfe, perché non l'ho mai letto e voglio recuperare.

Niente e così sia - Oriana Fallaci, perché sono curiosa di leggere questo reportage sulla guerra del Vietnam.

Chi manda le onde - Fabio Genovesi, perché a volte non c'è un perché. 


Libri messi in lista

Letters to Vera - Vladimir Nabokov, perché ho voglia di leggere parole d'amore e storie romantiche

La cucina della buona terra: Storie di passione per il cibo - Dan Barber, perché mi sono innamorata dell'episodio dedicato a Dan Barber su Chef's Table, sogno segretamente di andare a mangiare a Blue Hill a NY e ho voglia di leggere di più di questo cuoco che sembra così saggio.

Di cosa parliamo quando parliamo di libri - Tim Parks, qui non c'è neanche il caso di dire il perché, credo che il titolo parli da solo.

Molly on the Range - Molly Yeh, se fossi sfacciatamente ricca, avrei uno scaffale della libreria dedicato a libri di cucina in inglese acquistati solamente perché incredibilmente belli. Questo sarebbe uno di quelli, senza ombra di dubbio. Se ancora non conoscete Molly e volete farvi un'idea di chi sia, questo è il suo bellissimo instagram. 

E voi ditemi, per quale libro avete perso la testa questo mese

giovedì 30 marzo 2017

Leggermente: Le otto montagne

Lo ammetto, a Elena non l'ho mai detto, ma mi è mancata moltissimo in queste settimane. E non certo perché lasciava libero uno spazio sul blog, ma perché ogni mese aspetto con trepidazione le sue parole e il libro che ha scelto. Certi mesi si tratta di una scoperta, altri di un nuovo punto di vista su un libro già letto e amato, come in questo caso, ma è sempre, in ogni caso, una bellissima sopresa, un regalo da scartare, una riflessione da far propria. Quindi, bentornata Elena, e grazie, di cuore. 

Sono tornata: dopo un mese di assenza, eccomi con un nuovo libro e un po' di emozioneIl lavoro e tutte le novità che questo 2017 sta portando con sé mi hanno tenuta parecchio impegnata, spero che le prossime settimane mi regalino più tempo per scrivere.

Intanto, vi dico subito che con questo Leggermente mi faccio perdonare, da voi e da Cindy, perché a sto giro ho scelto Paolo Cognetti e quando dico Paolo Cognetti intendo Le otto montagne.


Il ragazzo selvatico fu il primo dei suoi libri che comprai anni fa, lo lessi tutto d'un fiato e lo regalai.

Poi cominciai a cercare altri scritti di questo autore, per capire chi fosse e cosa avesse da dirmi: Sofia si veste sempre di nero, la serie di racconti su New York raccolta nel suo blog e alla fine Le otto montagne.


Ho impiegato parecchio a terminarlo, per mancanza di tempo e di coraggio. 

Ha iniziato a farmi male da subito, ha continuato per tutte le sue duecento pagine meno una e ha finito con l'ultimo punto. Questo libro mi ha provocato uno di quei dolori che solo le forti malinconie sanno dare, perché porta dentro di sé la mia infanzia, ma anche parte dell'adolescenza e le mescola spudoratamente con il mio essere una giovane donna in totale sintonia con la natura, parca nelle amicizie, legatissima a certi luoghi e piena di dubbi nei rapporti con il resto del mondo. Perennemente incerta su cosa sia giusto, sano, opportuno fare nella vita di ogni giorno ma, soprattutto, nel futuro.


C'è chi ha scritto (anche giustamente) che questo libro è la storia di un'amicizia, io ci ho letto più di ogni altra cosa la storia di un'impossibilità. A rischiare, a lasciarsi andare, a rinunciare, a mettersi in gioco, a cambiare, ad amare e farsi amare, a scendere da quella diavolo di montagna. 

Ognuno ha la propria, credo, ognuno ci fa i conti quotidianamente.


Ho riflettuto un sacco anche sulla storia delle otto montagne e sulla differenza tra chi resta sul cucuzzolo del monte Sumero e chi invece trascorre la vita a visitare tutte le altre vette. 

Chi vince? Chi ha ragione? Chi si comporta in maniera corretta? Chi vive meglio?

Non lo so, di certo io sono molto più simile al viandante che passa da una cima a all'altra, con tutti i lavori che ho fatto, le situazioni che ho vissuto, i luoghi che ho abitato. Spesso mi piacerebbe trovare il mio Sumero dove fermarmi e piantare la tenda, ma non ho nemmeno il tempo di prendere sul serio questa possibilità che è già l'ora di chiudere lo zaino e ripartire.


Prima di salutarvi e augurarvi buon cammino, ecco la citazione che ho scelto: "Una parte di me era affezionata alle cose che non sapeva".

martedì 28 marzo 2017

Moodboard: le balene


Una delle cose che mi vengono meglio, per quel che riguarda questo blog, è quella di sfornare a ripetizione rubriche che durano meno di un gatto in autostrada. Parto con grandissimi entusiasmi, mi do delle scadenze, fisso gli argomenti, scrivo per qualche settimana e poi, ciao, vengo risucchiata dalla quotidianità e abbandono. 

Questo è quello che è successo con le ricette, che avevo intenzione di pubblicare spesso e che non pubblico da mesi, e con la bellissima (non per meriti miei, ma per via dell'argomento) rubrica Girl Tuesday, durata qualche settimana. 

Ma io, fiera nella mia perseveranza, forte del mio entusiasmo, continuo imperterrita a sfornare rubriche, chissà che qualcuna non rimanga nel tempo. Quella che nasce oggi è una rubrica dedicata alle cose che fanno battere il mio cuore, alle passioni che ho da tempo, quelle che sono nate da poco, gli amori inaspettati, i colpi di fulmine, gli innamoramenti. Si tratterà di una mappa fatta più che altro di immagini, ma avevo bisogno di far confluire da qualche parte tutte le suggestioni che popolano la mia mente.

Visto che si tratterà di una cosa principalmente visuale, ho deciso di chiamare questa rubrica Moodboard e non potevo non cominciare con l'ossessione più grande di questo periodo: le balene

Nutrivo questa passione da tempo, ma - come spesso mi capita - si è risvegliata tutta d'improvviso recentemente. Non so bene come sia successo, ma d'improvviso m'è tornata la voglia di circondarmi di balene. Questo è quello che riempie i miei occhi e fa battere il mio cuore, ultimamente. 


Questa pin di Moby Dick


Heart of the Sea, una stampa che vorrei in ufficio
 Irish Shells 


Le balene di Claudia, le voglio tutte


Il tatuaggio perfetto


Una maglietta per portare una balena vicino al cuore


Un libro che ho amato molto


Il prossimo poster che acquisterò

E voi, ditemi, qual è il vosto animale preferito?