mercoledì 27 luglio 2016

Leggermente: Boscodirovo

Questa rubrica diventa ogni mese più preziosa. Mi ha fatto scoprire libri bellissimi, è una costante fonte di ispirazione e di meraviglia e, come capita oggi, mi porta indietro nel tempo a riscoprire ricordi che pensavo sopiti. Insomma, torna Elena e ci regala un Leggermente che ci riporta bambini, nelle lunghe estati della nostra infanzia, quelle che hanno messo il seme degli adulti che siamo diventati. Che bellissimo regalo, grazie Elena. 

Siamo in piena, pienissima estate e io, come ogni anno, ripenso alle vacanze di quando ero bambina. Nei (rari) momenti in cui non stavo in montagna o al mare trascorrevo il tempo giocando sui prati, negli orti, nei boschi e nel giardino dei nonni, spesso leggendo un libro. Uno dei miei preferiti in assoluto (ma posso tranquillamente dire il mio preferito di sempre) è quello di cui vi parlerò oggi, in questo Leggermente di fine Luglio.


Boscodirovo, di Jill Barklem, è un classicone: più o meno lo conoscono e amano tutti. Per i disegni, per l'atmosfera e per la delicatezza con cui vengono raccontate le storie della famiglia di topolini, protagonista di ogni avventura. Io possiedo la raccolta de Le Quattro Stagioni di Boscodirovo e due libri più piccoli, che ho altrettanto adorato, intitolati Storia di mare e  Avventura sui monti.


Il mio vecchio volume è ormai ingiallito, ricordo che da bambina mi sembrava enorme e pesantissimo, ma ricordo anche che allora come adesso mi piaceva tanto la parte iniziale, in cui l'autrice racconta come ha lavorato ai suoi progetti, mostrando foto, schizzi e (meraviglia!) fiori pressati, tutte cose che l'hanno aiutata nell'ispirazione quotidiana.


Risfogliandolo per scrivere il Leggermente mi ha ricordato così tanto il "il giornale delle gite" e il mio modo di vivere la natura che mi sono quasi commossa, è stato un salto indietro nel tempo e una conferma: sono diventata quello che immaginavo sarei diventata. Quando costruivo stanze sull'albero, facevo il pesto schiacciando l'ombelico di venere raccolto sul muro dietro casa, mi nascondevo nei prati di zinnie in fiore, raccoglievo calle facendo attenzione ai ragni, salivo sulla teleferica dei nonni, annaffiavo i fiori del cortile con le galosce e la maglietta a righe, seccavo le foglie nella pressa e alla fine della stagione le attaccavo su quadri di corteccia, accarezzavo gatti all'ombra del pergolato di uva fragola, bevevo sprite a merenda mangiando il gelato gusto stracciatella.


Ma ritorniamo al libro.

Boscodirovo è un manuale di comportamento, credo che dovrebbe essere regalato a tutti i bambini in età scolare e raccontato la sera prima di dormire o la mattina sotto l'albero, nelle giornate calde d'estate. Porta con sé, oltre che i disegni bellissimi di Jill, un'infinità di informazioni e insegnamenti: la lealtà, l'amicizia, la perseveranza, la pazienza, la capacità di osservare e attendere il momento giusto, l'amore per la terra e i suoi doni, il coraggio... sono tutti contenuti in questa piccola grande raccolta. Dal punto di vista estetico, guardando le illustrazioni e le centinaia di dettagli che contengono, non si può che essere spinti a provare a replicare i disegni, sul tavolo della cucina, tra matite acquarellabili, gomme, temperini e fogli bianchi.


Con Boscodirovo ho viaggiato, ho attraversato le stagioni e sono stata nei luoghi dove davvero andavo ogni anno: mari e monti, sabbia e pietre, acqua e neve, alberi e fiori. Ho riconosciuto, tra le scene a colori, i gesti di mia nonna, le marmellate preparate da mamma, le bacche che nascevano nel bosco di fronte, i compleanni rustici ma curati che organizzava per me la mia famiglia, le dispense piene di cibo che non si sa mai, i sentieri di montagna e gli ombrelloni a righe inclinati dal vento. 

C'è una cosa, però, che ricordo più di tutte e che ancora oggi, libro alla mano, mi colpisce dritta al cuore: la luce. Quella sottile che filtra dalle persiane e cattura il pulviscolo facendolo danzare, quella chiara e gentile che scandisce i pomeriggi caldi d'estate durante il pisolino del dopo pranzo, quella calda e romantica che avvolge le sere di primavera poco prima di cena, quella corta e piena di malinconia che porta con sé il freddo dell'inverno.


Leggete Boscodirovo, regalatelo, tenetelo nella libreria per poterlo sfogliare ogni tanto, che abbiate quarant'anni come otto, che siate maschioni  rudi come ragazzine delicate, che amiate la montagna come il mare, che sappiate disegnare come no: ne vale la pena sempre, davvero.

Ecco la citazione di oggi e buona estate a tutti!
"E giunse il tramonto, opaco e dorato sui campi. Il cielo azzurro lentamente imbruniva, e i topolini cominciarono a pensare al ritorno"

venerdì 22 luglio 2016

Chiacchiere del venerdì


Buongiorno, amici miei. Come state? Io non mi lamento, l'estate fa il suo dovere, il mare è splendido, le sere sono lunghe, l'orto è rigoglioso, la birra è sempre in frigo. Insomma, va tutto bene. Sono poco presente da queste parti, ma ormai è diventata un'abitudine. Conto di ritornare a pieno regime in autunno, ma ho già messo in lista una serie di cose da fare che non so, facciamo che non vi prometto nulla così va meglio.

Che poi vi prometto cosa, non starete mica lì ad aspettare i miei post, no? Con tutto quello che c'è da fare, le meraviglie di post che si possono leggere su centinaia di blog, insomma, mica c'avrete bisogno del mio, no? (Ecco, tutto questo solo per farmi dire "no, ti prego, Cindy, scrivi ancora, non ci abbandonare", sempre il mio solito bisogno di conferme, che vi devo dire. E' un insicurezza che mi porto dietro dalle elementari). 

Comunque, è passato un po' di tempo dall'ultima volta in cui abbiamo fatto due chiacchiere, quindi ho deciso che era giunto il momento di aggiornarvi un po' sulla mia vita. Che suspance, eh? Chissà che vita emozionante. Quali mirabolanti avventure. Vabbè, daje, partiamo con 'ste chiacchiere. 

- cominciamo con i film. Zero. E' passato un mese e mezzo dall'ultima volta in cui ho scritto un post simile a questo e io non ho visto neppure un film, nel frattempo. Manco mezzo. Niente. Nada. Zero totale. Un po' perché è estate, stiamo fuori, quando torno in casa vado dritta a letto, un po' perché non c'ho proprio voglia. Ad agosto comincerà la rassegna di cinema all'aperto, conto di rifarmi lì. Speriamo. 

- serie tv, Cindy? Eh, calma piatta anche lì. Sto guardando Game of Thrones ma non ho ancora finito. Sarà che m'hanno un po' stufato, sarà che se non ci fosse Daenerys nata dalla tempesta avrei già mollato lì, saranno i motivi di cui al punto precedente, insomma, si va a rilento anche in questo campo. Ma non vedo l'ora di finirla per cominciare Strange Things, di cui ho letto MERAVIGLIE. 

- in compenso, mi son rifatta sul fronte delle letture. Complice il risveglio all'alba quando la luce comincia a filtrare dalle tapparelle, mi sono letta L'Italia è un bosco di Tiziano Fratus, un libro che ho corteggiato per mesi in libreria prima di decidermi ad acquistarlo e che non ha deluso tutte le mie aspettative, una bellissima dichiarazione d'amore per la natura e per il nostro paese, con un sacco di spunti per gite alla ricerca di alberi. Poi ho letto The Country Diary of an Edwardian Lady, un diario pieno di schizzi di piante e animali, bellissimo e magico. Poi sono passata a Il resto è ossigeno di Valentina Stella, consigliatomi dalla mia cara Giulia, che ho divorato in due giorni. Dopo mi sono buttata su Un angelo alla mia tavola di Janet Frame, libro che ho acquistato a metà anni '90 dopo aver visto il film di Jane Campion (bellissimo!) e che poi non ho mai letto. E' l'autobiografia della scrittrice neozelandese, che racconta la sua infanzia in Nuova Zelanda, i suoi periodi in ospedale psichiatrico, i viaggi, la professione di scrittrice, un libro veramente magico, pieno di dettagli e preziose minuzie. Poi ho letto Il cammino immortale di Jean-Christophe Rufin, trovato per caso tra le offerte per Kindle e amato molto. Dico da una vita che voglio fare il Camino di Santiago, finirò per leggerne solo nei libri, ma forse va bene così. Ora sto leggendo La felicità delle piccole cose di Caroline Vermalle, scelto tra una pila di libri in offerta in libreria, che mi ha catturato per la sua trama (una sorta di caccia al tesoro sulle orme degli impressionisti). Vedremo. 

- come libri non son messa male, eh? Si dorme meno, si legge di più. Molto semplice. Che altro ho fatto? La scorsa volta c'eravamo lasciati con me che dovevo andare al concerto dei Duran Duran. Ci sono andata. E' stato bellissimo, emozionante, divertente, coinvolgente, insomma, m'è piaciuto. Pensavo di assistere a una sorta di revival, invece è stato un live estremamente contemporaneo. Sono davvero dei grandi, ci avevamo visto lungo, noi ragazzine degli anni '80. 

- sabato scorso, invece, sono andata a sentire Max Gazzé al Porto Antico a Genova. Amo quella location tantissimo, perché è in riva al mare, passano le navi da crociera e mi viene in mente Fellini ed è tutto molto romantico e poi perché, molto più prosaicamente, la location è piccola, si vede da Dio e - come dice il mio amico Mirko - la birra non è mai troppo lontana. Il concerto è stato bello, allegro, col sorriso sulle labbra. E poi c'era anche Elena e questo ha reso tutto ancora più bello. 

- sempre a proposito di concerti, se sopravvivo a un fine settimana piuttosto impegnativo, domenica sera andrò a sentire Daniele Silvestri e non vedo l'ora. L'elenco delle sue canzoni che amo è infinito. Mi mancherebbe giusto Niccolò Fabi, che poi sarebbe anche il più figo dei tre, ma non amo molto la sua musica. Peccato. (Uno dei miei più grandi rimpianti? Non averli sentiti tutti e tre insieme in tour, mannaggia a me). 

- non ho altro da dichiarare vostro onore. Ho fatto qualche acquisto durante i saldi, obbligata dal fatto che sono dimagrita e non mi va più bene quasi niente (buona come scusa, no?), ho comperato le scarpe più belle del mondo e sono entrata nel tunnel del vintage. Ma non andremo oltre, ok? 

Ma voi ditemi, cosa avete fatto? Libri che vi hanno cambiato la vita, film che non ci possiamo perdere, musica in cuffia a rotazione? Ditemi!

Ah, dimenticavo, in questo periodo la colonna sonora è questa qui:

venerdì 1 luglio 2016

Wishlist del venerdì

Buongiorno, buon venerdì, buon fine settimana e buona estate, amici bellissimi. Come state? Io sto alla grande, come già vi avevo detto nel post di lunedì. Spero davvero sia lo stesso anche per voi. 

E' una vita che non scrivo una wishlist, non che non abbia centocinquantamila desideri che non aspettano altro che si essere soddisfatti, era solo che non riuscivo a trovare il tempo per metterli giù per bene. Poi ne sono arrivati tre che chiedevano a gran voce di essere espressi e quindi eccoli qui. 

1. Come sapete bene, ultimamente ho una certa ossessione per le piante, la natura, il verde, il giardinaggio e robe così. Queste cose le amo tutto l'anno, ma in estate il mio amore diventa quasi ossessione. Vorrei vivere in una grande casa con giardino, sapere tutto di botanica, essere capace di coltivare tutte le piante più belle, vivere in zoccoli e grembiule in mezzo ai profumi dei fiori. In mancanza di tutto questo, mi accontenterei di queste fantastiche stampe a tema vegetale. 



2. Nei giorni scorsi, ho messo in vendita su Depop alcuni dei miei vecchi (ma nuovi) libri di cucina. Occorre fare pulizia, mi son detta, liberare gli scaffali, togliere il superfluo, minimalismo, via via. Ne ho venduti alcuni e cosa m'è successo? M'è venuta una gran voglia di comperarne altri. Niente, non riesco a disintossicarmi. Ecco quelli che vorrei, adesso, ora. 





3. Ho voglia di andare a una festa. In campagna, di sera, con tante lucine colorate appese agli alberi. Con tavoli apparecchiati con tovaglie a quadretti rossi, mazzi di fiori di campo, buona cucina, birra fresca, gelati e stuzzichini. E soprattutto con questa musica qui. (PS: voglio ascoltare solo i Rumba De Bodas per tutta l'estate). 

mercoledì 29 giugno 2016

Leggermente: Quel che una pianta sa

Quest'oggi Elena ha deciso di farmi commuovere. Buona lettura, amici. 

Inizio il primo Leggermente estivo con due certezze: 

1. La prima è che io e Cinzia abbiamo davvero tante cose in comune, una tra le tante è l'amore per la lettura, per le piante e, di conseguenza, per i libri che parlano di piante.

2. La seconda è che questo angolino tutto mio A Casa di Cindy, "una stanza tutta per me", mi piace ogni mese di più e anche in periodi come quello che sto vivendo ora, di grande fatica emotiva, scrivere il Leggermente resta un rifugio.

Musica, maestro.


Il libro che vi racconto oggi, in realtà, non l'ho ancora finito, questione di poche pagine.

Si intitola Quel che una pianta sa, guida ai sensi del mondo vegetale e l'autore è Daniel Chamovitz biologo di Tel Aviv, esperto di neurobiologia delle piante. L'ho comprato dopo essermi iscritta a un corso on line di Coursera, che, come spesso mi succede con le lezioni on line, non sono riuscita a seguire fino alla fine (credo che questa sia un'altra cosa  che ho in comune con Cinzia).  



Ciclicamente vado in fissa con i saggi scientifici, di ogni argomento e materia, meglio se si tratta di questioni mediche, zoologiche o botaniche. Qui, qui e qui trovate alcuni precedenti che mi sono rimasti nel cuore: in particolare, il libro di Stefano Mancuso è quello che per la prima volta mi ha aperto le porte della fisiologia vegetale. L'anno scorso al Festival della Scienza ho anche assistito alla conferenza che l'autore ha tenuto, insieme a Barbara Mazzolai di IIT, sulle grandi potenzialità della robotica applicata al mondo vegetale e viceversa: stiamo parlando di cose come questa, per intenderci.

Ma torniamo al nostro libro, Quel che una pianta sa com'è strutturato?

Sono sei capitoli ed ognuno di essi affronta un "argomento sensoriale" ben preciso: quel che una pianta vede, quel che una pianta annusa, quel che una pianta prova, quel che una pianta ode, come una pianta sa dove si trova, quel che una pianta ricorda.



Ma perché? Le piante annusano? Sì, se non consideriamo letteramente la parola annusare, possiamo dire che le piante annusano, dato che percepiscono gli odori che le circondano e agiscono di conseguenza. Inoltre le piante vedono senza avere occhi e rispondono a stimoli luminosi anche di pochi secondi, per esempio anticipando la loro fioritura.

In questo piccolo saggio verde c'è la storia della mimosa pudica, capace di chiudere le proprie foglie per difesa ogni volta che viene sfiorata, ma ci sono anche il più comune pomodoro o il fagiolo, che dai, tutti abbiamo fatto germogliare nel cotone almeno una volta nella vita!



Ciò che mi affascina maggiormente delle caratteristiche sensoriali del mondo vegetale è il fatto che le piante siano esseri sessili, ovvero non abbiano facoltà di movimento, se non delle loro parti esterne (basti pensare al convolvolo che si arrampica senza sosta e al girasole che volge il capo verso la luce). Le piante non possono fuggire come fanno gli animali davanti al pericolo, non possono alzarsi e cercare nutrimento altrove, non possono spostarsi un po' più in là per godersi l'ombra, né allontanarsi per sparpagliare i loro semi e garantirsi un futuro.

Non sto a dirvi quanto spesso senta mia questa condizione, e, a differenza delle compagne verdi, provi la sensazione di non aver messo in atto alcuna strategia alternativa utile alla mia sopravvivenza, pur essendo ben consapevole di possedere tutte le carte in regola per farcela (e  bene) e pur sapendo che se non mi do una mossa, anche in senso figurato, mi gioco ogni possibilità. Ci sto lavorando, pure parecchio, e ora so anche a chi ispirarmi. 
Se volete approfondire un poco l'argomento ecco un bel video.



Vi lascio con la citazione di rito, a sua volta una citazione di John Muir, e vado a finire il libro!

"Non ho mai visto alberi insoddisfatti. Essi si aggrappano al suolo come se quest'ultimo piacesse loro, e sebbene saldamente radicati viaggiano quasi quanto noi".

lunedì 27 giugno 2016

Come stai, Cindy?

(foto Unsplash)

Solitamente, quando qualcuno m'incontra e mi chiede come io stia, rispondo sempre: "bene, grazie!", indipendentemente da come sto veramente. A meno che la domanda non me la faccia un caro amico/a, la mia risposta è sempre la stessa: bene, benissimo. E spesso ci aggiungo anche un sorriso. Sempre il solito insegnamento di papà, mai lamentarsi, non rompere le scatole agli altri. 

Ma in questi giorni, a chiunque me lo chieda, la risposta è davvero sincera. Sto bene, dio se sto bene. Sto alla grande, così alla grande che ho quasi il timore di dirlo perché ho paura che possa succedere qualcosa a rovinare tutto. Del resto, quasi un anno fa, in un'estate calda e luminosa appena iniziata, gonfia di prospettive, progetti e meraviglia, la mia vita è cambiata radicalmente. 

E quindi quasi non volevo scriverlo, questo post. Avevo timore che dirlo a voce alta, dichiarare apertamente tutta questa felicità potesse portarmi sfiga e far succedere qualcosa di irreparabile. Ma sono una donna coraggiosa e ho deciso di sfidare il destino e urlarlo apertamente: sto dadddddio, olè. 

Ma come mai stai da dio, Cindy? Cos'è successo? Vogliamo lasciarci sfuggire l'occasione di una lista? Non sia mai. 

1. E' arrivata l'estate. E già solo questo fa guadagnare mille punti al mio punteggio umore. E' impossibile non farsi catturare dalla magia dell'estate: caldo sulla pelle, le birrette al tramonto, buttarsi in acqua, riemergere e vedere un mare di blu tutto intorno, coricarsi su un prato, fare indigestione di ciliegie, dormire con la finestra aperta, leggere all'ombra, stare fuori, con qualsiasi tempo, anche quando piove. Se non amate l'estate, non mi fido di voi. 

2. Non sono mai stata così magra. Non prendetela male, sto benissimo. Qualche giorno fa ho visto sulla bilancia un numero che probabilmente non vedevo dal 1990. Ed è stata una soddisfazione che davvero non so spiegare. Perché non è un risultato ottenuto con sacrifici e privazioni oppure derivante da un malessere o altro. Perché è un numero che nasce dalla volontà di prendermi cura di me stessa e di volermi bene. Perché è il mio corpo che mi sta dicendo che sta alla grande. E lui e io stiamo proprio bene insieme, dopo tanto tempo. 

3. Ho fatto pace con i miei capelli. Io ho dei capelli obiettivamente piuttosto brutti, non sono lisci, non sono ricci, non tengono la piega, non tengono lo shampoo, devo lavarli tutti i giorni. Ho passato anni a cercare di domarli, permanente, stiratura, shampoo da milioni di dollari, trattamenti di qua e di là, una lotta continua senza venirne a capo. Sentivo che non ce la facevo più, ma in testa mi ronzava un vecchio post della Spora in cui si diceva che non bisogna mai accontentarsi di se stesse, che occorre puntare sempre al meglio. E allora giù a darci dentro con altri trattamenti, prodotti, quaqquaraquà. Finché un giorno, qualche mese fa, mi sono guardata allo specchio e mi son detta: "ma sai cosa? macchissenefrega". Ho lasciato che i miei capelli fossero semplicemente loro, orgogliosamente alla cacchio, fieramente indisciplinati, liberi di essere brutti. Mi è successo un po' come dice una mia cara amica, quando ti fai mille problemi per come devi vestirti a un matrimonio, non ti senti a tuo agio, vorresti cambiarti, alla fine vai e non sei soddisfatta, ma dopo due bicchieri di prosecco, ti dimentichi di tutto e ti diverti. Ecco, ho ottenuto l'effetto prosecco pur essendo sobria. (Provate, funziona).

4. Ho fatto pace con il mio amore per i vestiti. Pur essendo figlia e nipote di sarte, cresciuta in un mondo fatto di vestiti, stoffe e moda, ho sempre considerato i vestiti una cosa frivola. La me stessa geek e intellettuale considerava la Cindy amante dei vestiti come una donnetta debole e vittima della superficialità. Se a questo aggiungiamo anche i soldi spesi, portavo in giro un ammasso di sensi di colpa. E anche qui, un giorno qualsiasi, ho detto basta. Vestirmi come mi va di vestirmi (bene, male, rock 'n' roll, vintage, elegante, da ragazzina, da nonna, in nero, colorata, punk, fricchettona, tutto questo a seconda della giornata e dell'umore) mi fa sentire bene. Perché privarsene?

5. Instantly Italy sta cominciando a carburare. Come sapete se mi seguite da tempo, lo scorso anno mi sono buttata in questa avventura e ho affiancato alle mie solite traduzioni l'ambizione di lanciare questo sito di insegnamento di lingua e cultura italiana. Dopo la partenza, le cose arrancavano un po', probabilmente tutti mi dicevano che era una cosa fighissima, ma io non ci credevo veramente. Poi ho deciso di cambiare rotta e dargli (e darmi) una possibilità vera. E le cose cominciano a girare, che soddisfazione. 

Ecco qui, ecco cos'è successo, ecco cosa mi fa stare bene. Non volevo scrivere ore per parlare solo di me, anzi sono stata davvero tentata di non scriverlo questo post. Ma questo periodo di benessere è il risultato di tutta una serie di atteggiamenti mentali e lezioni imparate da sola che magari potrebbero essere utili anche a voi, se siete un po' incasinate come lo ero io fino a poco tempo fa. 

Ho capito che bisogna volersi bene e che il volersi bene comincia con il volere bene al proprio corpo e ascoltarlo. Ho capito che bisogna scegliere e agire, mai aspettare che le cose piovano dal cielo, siano esse benessere, lavori, felicità. Ho capito che chissenefrega dei propri difetti fisici, nella maggior parte dei casi li vediamo solo noi. Ho capito che bisogna crederci sempre, in se stessi, nei propri progetti, in quello che ci piace, in quello che sentiamo. 

Detto questo, adesso vado ad accendere un cero alla madonna e sperare che non mi capiti qualche sfiga colossale. 

martedì 21 giugno 2016

Cosa ti rende veramente felice?

Foto Josh Felise su Unsplash

Qualche tempo fa, mi sono imbattuta per caso in questo post, in cui Ilaria Ruggeri si pone una domanda apparentemente facile ma in realtà incredibilmente complessa. Da quando l'ho letto, quel "cosa ti rende felice?" ha ronzato nella mia testa per giorni e giorni. Ho cercato di guardarmi dentro con più attenzione e ho scoperto che, per quanto mi lamenti sempre, molte delle cose che mi rendono davvero felice fanno parte della mia vita, se non addirittura della mia quotidianità.

Come ben sapete se mi leggete da tempo, si muove dentro di me un'inquietudine mai sopita, una voglia di essere sempre altrove, sempre in un luogo diverso, come se essere altrove potesse essere la cura di tutti i mali, la soluzione per le cose di cui non sono contenta, come se fare le valigie e iniziare da zero in un altro luogo potesse essere l'unico modo per stare bene. 

E invece no, ho quarant'anni (posso continuare a dirlo anche se ne ho già qualcuno in più?) e ho deciso di cominciare a crescere. Ho deciso di lottare contro questa inquietudine e provare a radicarmi di più. Ho provato a guardare le cose di sempre con occhi diversi, simili a quelli delle due persone che ieri sono passate sotto la mia finestra e con entusiasmo si sono dette "ma certo che questo è proprio un bel posto, eh" (ne siete proprio sicuri, vero?). E ho deciso di capire quali sono le cose che mi rendono veramente felice. 

Ilaria Ruggeri ha concluso il suo post elencando cinque cose, ecco le mie:

1. stare in mezzo alla natura. Non cè nulla che mi metta così in pace con me stessa e con il mondo come la natura. E' come se, quando sono in mezzo al verde, qualcosa di riequilibrasse dentro di me. Riesco quasi a percepire esattamente il momento in cui questo avviene dentro, scatta qualcosa e sto bene. In pace, esattamente dove devo essere. 

2. parlare con la gente. Dopo anni passati a considerarmi un'introversa e a dire che la gente mi dà fastidio, ho scoperto magicamente che invece mi piace da pazzi parlare con le persone. A caso, di qualsiasi cosa, anche delle più sonore cazzate. Basta che la gente con cui parlo non si lamenti, allora scende la saracinesca nel mio cervello e torno per la mia strada. 

3. andare ai concerti. Per molti i concerti sono un intrattenimento, un momento di svago, una rottura di scatole (giuro, uno di questi soggetti vive con me). Per me è qualcosa di più, è una bomba di felicità. Appena parte la musica, sento una scarica di adrenalina e una sorta di droga naturale si mette in circolo e non vorrei essere da nessun'altra parte. Solo lì, in mezzo alla gente, circondata dalla musica. Un concerto mi dà un'energia tale che posso andarci avanti per settimane. 

4. leggere. La lettura mi ha sempre nutrita, fin da quando ho cominciato a imparare a decifrare quei segni neri su un foglio bianco. Ho divorato libri per tutta la mia vita, non riesco a stare senza. Aprire un nuovo libro, leggere le prime righe, tuffarmi in un mondo nuovo, è una delle sensazioni più belle che io possa a provare. 

5. partire, ma anche tornare. L'ho capito da poco, questo. Ho capito che sto male quando sto troppo a casa e che devo nutrirmi periodicamente di viaggi, brevi o lunghi che siano. Ma ho capito recentemente anche quanto sia bello tornare e ritrovare la quotidianità. 

E voi ditemi, cosa vi fa essere davvero felici? 

giovedì 2 giugno 2016

Chiacchiere del venerdì

Foto Artur Rutkowski su Unsplash

Buongiorno, amici del mio cuor. Sono troppo lontana da questo blog e mi dispiace da morire. Mi manca tantissimo venire qui, cliccare su "nuovo post" e riversare in questo spazio virtuale tutte le cose che mi passano per la testa. Avrei una marea di cose da raccontare, ho un quaderno pieno di appunti, foglietti segnati qua e là, argomenti che mi vengono in mente mentre sono a passeggio con il cane, ma niente, non ho tempo. Non ce la faccio. Niet, nada, no se puede. 

Da quando ho deciso di dedicare ogni mio attimo e ogni mio neurone creativo a Instantly Italy, il tempo per questo blog s'è assottigliato. Lavoro tantissimo e, quando non lavoro, mi annullo davanti alla tv, esco col cane, metto insieme qualcosa di commestibile da mangiare insieme a mio marito, esco a bermi una birra, faccio delle gite, vedo delle mostre, leggo dei libri, vado a dei concerti, dormo. Insomma, il tempo per il blog è sempre meno. 

Ho addirittura meditato seriamente di chiuderlo, tempo fa, ma lo amo troppo questo angolo di internet per mettere la parola fine. Scriverò quando potrò, voi mi perdonerete, non mi abbandonerete e mi vorrete sempre bene, vero? Perché mi dispiacerebbe un casino perdervi, capito? Se non ho chiuso questo blog è solo per voi, capito? Eh? Eh? Eh?

Ma adesso basta con le lagne, ho un attimo di tempo...ce le facciamo due chiacchiere? Dai. 

- come saprete se mi seguite su instagram, la scorsa settimana sono stata a Roma. Che figata, ragazzi, cosa sto qui a dirvelo. Ho aspettato quarant'anni prima di andare a Roma, poi me ne sono innamorata perdutamente e ora ci vado ogni volta che posso. E ogni volta me ne innamoro un po' di più. Sono stata tre giorni e mi sono goduta ogni attimo, il Ghetto, i carciofi alla giudia e la pizza ebraica, ché il Ghetto rimarrà sempre il mio posto del cuore a Roma, una lunghissima chiacchierata con Emanuela della Libreria del Viaggiatore, passeggiate senza meta e senza fine, finché non sentivo più le gambe, la pizza bianca del Forno di Campo dei Fiori, il profumo dei gelsomini, quello dei tigli e i tramonti che ti strappano il cuore, un'intera giornata insieme alla mia adorata Tamara e mille, mille, altre cose. Come dice Tamara, Roma sa fare una magia e irretire le persone: con me, c'è riuscita benissimo. 

- a Roma, mi sono vista la mostra di Mucha al Vittoriano. Ma come, mi direte voi, c'è la mostra di Mucha a Genova e tu vai a vedere quella di Roma? E lo so, che vi devo dire, 'sta cosa di due mostre in contemporanea m'ha messo curiosità e devo vederle entrambe per confrontarle. Sono a questo livello di pazzia. Comunque, la mostra a Roma bella, i manifesti di Mucha fantastici, magari un pochino più di illuminazione non sarebbe dispiaciuta, ma va bene così. Adesso devo solo vedere quella di Genova. 

- per quanto dica che lavoro tanto e non riesco a far niente e bla, bla, bla, mi sono resa conto di aver visto un numero notevole (per i miei standard) di film, in questo periodo. Ho visto due film in spagnolo, sempre grazie a Mubi: Amador, film spagnolo tenerissimo che racconta la storia di Marcela, che lavora come badante per Amador e che, quando quest'ultimo muore, si trova davanti a una scelta difficile, e After Lucia, un film messicano sul tema del bullismo, molto duro e con un finale che ti lascia a bocca aperta. Ve li consiglio entrambi, davvero interessanti. 

- grazie a Netflix, invece, ho visto e amato e adorato Le vite degli altri (ormai lo sapete che non sono esattamente sul pezzo, per quel che riguarda il cinema), che ho visto appena tornata da Berlino e, forse per quel motivo, ha assunto un significato ancora più speciale, Inception, uno di quei film che richiedono l'uso di troppi neuroni del mio povero cervello e che quindi ho guardato con una certa sufficienza e un po' distrazione, seppur concentrandomi per bene sulle scene in cui appare DiCaprio. E poi ho visto Lui è tornato, un film tedesco che vi consiglio caldamente: è la storia di Hitler che si risveglia nel 2014 e viene scambiato per un comico. Credevo fosse una commedia, in realtà è una storia che lascia un gran amaro in bocca. E poi ho visto Suburra, a proposito di amaro in bocca. 

- per quel che riguarda le serie TV, niente da dire, tutto dedicato a Gomorra e al Trono di Spade, ne riparliamo il prossimo mese.

- ma ho anche letto, eh. Oh, se ho letto. Mi sono divorata un classico, Il giardino dei Finzi Contini, che avevo tanto odiato da ragazzina, ma che un articolo entusiasta di Daria Bignardi mi ha convinta a rileggere (e ho fatto bene). Poi ho letto Berlin, una raccolta di brani letterari che raccontano la città (bellissima idea, libro davvero interessante). Sul treno per Roma ho divorato L'orto di un perdigiorno, il racconto di Pia Pera sulla rinascita del suo orto e giardino in Toscana e ora, presa dalla voglia di un bel romanzo appassionante, sto leggendo Niente si oppone alla notte di Delphine de Vigan, una storia familiare triste, allegra, incasinata, per il momento davvero coinvolgente. Ma ho una bella pila sul comodino che mi aspetta...

- non so più come, non so più dove, ho scoperto The Comma Queen, una serie di video dove una giornalista del New Yorker tiene delle brevissime lezioni di grammatica inglese. Sarà che lei assomiglia alla mia adorata prof di inglese dell'università, sarà il mio sconfinato amore per la lingua inglese, insomma, mi innamorai perdutamente

- la scorsa domenica, per un pranzo di famiglia, sono stata in alta Langa - uno dei posti più magici del mondo, se avete occasione andateci - e ho scoperto un luogo incredibile, l'Arboreto Prandi, che mi ha dato finalmente occasione di trovare risposta a una domanda, letta tempo fa in un post: "cosa ti fa veramente felice?". Una roba mica da poco, ecco. 

- e proprio a proposito della risposta alla domanda di cui sopra, ho trovato per caso il canale youtube che andavo cercando, da secoli. Sapevo che c'era là fuori, lo sentivo, era solo questione di trovarlo. E' questo. So che piacerà tanto, se ancora non lo conoscono, a Elena e Daria. 

- e poi, last but not least, veniamo alla cosa veramente, ma veramente importante di questo periodo: il biglietto per il concerto dei Duran Duran ad Assago. Mancano pochissimi giorni, ma io li aspetto da anni, da un lontanissimo 1984 in cui mi sono innamorata perdutamente di Simon Le Bon senza scordarlo più. Insomma, la prossima settimana porto la Cinzia ragazzina a vedere Simon e a sentire canzoni che conosco a memoria, strofa dopo strofa. Metterò le Superga, per l'occasione. 

Ovviamente, la colonna sonora di questo periodo non poteva che essere questa: